Le tecniche di respirazione e visualizzazione mentale utilizzate nella soprologia migliorano significativamente le prestazioni degli atleti. Questa è la conclusione di uno studio condotto da Ford sull’efficacia delle tecniche di preparazione mentale offerte agli atleti.

La casa automobilistica Ford è interessata prestazione atletica degli atleti e in particolare i benefici apportati dal preparazione mentale. Ha quindi condotto uno studio volto a misurare il contributo delle varie tecniche utilizzate come la respirazione o le tecniche di visualizzazione mentale.

Per raggiungere questo obiettivo, gli scienziati hanno istituito due gruppi distinti:

pubblicità

  • il primo gruppo di piloti Ford, tra cui Andy Priaulx, campione del mondo dei conducenti di autovetture, e Sébastien Ogier, campione del rally mondiale.
  • il secondo gruppo composto da gente comune.

Quindi, hanno sottoposto questi due gruppi a due classici esercizi di allenamento mentale:

  • il primo esercizio è stato quello di far rilassare i partecipanti, quindi fare una serie diesercizi di respirazione controllata identico a esercizi di sophrology. Alla fine, ai partecipanti è stato chiesto di trattenere il respiro il più a lungo possibile. Il processo è stato ripetuto più volte e seguito da un lungo periodo di recupero.
  • il secondo era di fare un esercizio di visualizzazione, ancora identico a quelli praticati in soprologia, l’obiettivo è quello di portare gli atleti progetto mentale nella loro vittoria al fine di preparare e mantenere la fiducia nelle loro prestazioni. Questo esercizio di visualizzazione con guida vocale ha portato i partecipanti a creare immagini mentali descrivendo svolte, curve e segnali visivi chiave del circuito.

Risultati comprovati

Lo studio rivela innanzitutto che i piloti da corsa con cervelli appositamente addestrati hanno: Livello di attenzione e concentrazione migliore del 40% rispetto agli altri partecipanti. Le loro menti infatti sono state regolarmente « muscolose », il che consente loro di reagire a sottili segnali sensoriali, senza esserne sempre consapevoli.

Ma dove lo studio risulta essere molto interessante, è quando osserviamo le differenze di prestazioni tra le persone normali preparate mentalmente e un gruppo di persone normali che non hanno beneficiato di alcuna tecnica di preparazione:

 » La cosa interessante che abbiamo scoperto è che quando le persone normali eseguono semplici esercizi mentali, sono anche in grado di raggiungere un miglior livello di prestazione Ha detto la dott.ssa Elia Mouchlianitis dell’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienza del King’s College di Londra.

Secondo i risultati di questo studio, a semplice preparazione mentale di 10 minuti potrebbe migliorare significativamente l’attenzione e, con essa, le prestazioni.

 » Semplici esercizi di respirazione e meditazione, oltre a una tecnica di visualizzazione che utilizza parole chiave per descrivere il compito da svolgere, hanno visto aumentare i conducenti normali la loro concentrazione e prestazioni fino al 50% « Sottolinea lo scienziato.

I ricercatori desiderano, attraverso questo studio, comprendere e misurare l’impatto di questi semplici esercizi sulle prestazioni sportive, al fine di trasferire questa conoscenza della concentrazione sulle prestazioni elevate nella vita di tutti i giorni. Credono, infatti, che queste tecniche possano essere utilizzate al di fuori del campo sportivo perché consente di prepararsi mentalmente al compito da svolgere, migliorare le sue prestazioni e ridurre il suo livello di stress.

In sophrology, le tecniche di preparazione mentale sono sempre state utilizzate in campi molto diversi come prestazione professionale, il preparazione all’esame o ancoraparto. E i risultati ci sono: aumento del livello di attenzione, miglioramento della fiducia in se stessi e migliore gestione dello stress (e delle emozioni). L’essenziale per vivere l’evento nelle migliori condizioni e sfruttarne appieno il potenziale.

Di seguito il video esplicativo di questo studio condotto da Ford: