Questa giornata si terrà la Giornata mondiale del cancro. In questa occasione, Sophro Actu ha voluto tornare al viaggio di due donne che hanno scelto la soprologia per aiutarle nel loro viaggio di guarigione.

Rinascere dalla soffrologia

Cominciamo con un libro scritto da Agnès Defremery. Raggiungere a cancro al cervello, Agnes si tuffa di nuovo in soffrologia dopo un’operazione delicata, per la quale il suo chirurgo lascia la sua piccola speranza di sopravvivenza.

pubblicità

Aprendo gli occhi sul suo letto d’ospedale, Agnes scopre che una nuova vita si sta aprendo a lei ” una nuova possibilità “lei disse.

Fu in quel momento che scelse di ricorrere a un metodo, che già conosceva molto bene: terapia di rilassamento. Agnes, infatti, l’aveva scoperto negli anni ’70, ma questa volta fu come un vero strumento che decise di usarlo per risalire il pendio.

In soffrologia, impari a capire come funziona il tuo corpo. L’immaginazione è importante, così come il rilassamento fisico. Sofrologia è il risultato dello yoga, lavoriamo sulle emozioni. Devi sapere dove ti trovi in ​​tempo. Devi sapere come tornare al passato per vivere nel presente e andare nel futuro. “, Spiega al quotidiano l’Aisne Nouvelle.

Nel suo libro chiamato Rinascere dalla soffrologia, Agnès Defremery racconta la storiaesperienza di malattia ma soprattutto in che modo la soprologia l’ha accompagnato durante tutto il suo viaggio di guarigione.

La lotta di una giovane madre contro il cancro

A soli 33 anni, Adeline Demesy scopre di avere un cancro al seno. Il suo oncologo le concede solo 6 mesi di vita. Tuttavia, due anni dopo, la giovane donna è ancora in piedi, sfoggiando un ampio sorriso. Era per sua figlia che voleva combattere, e per questa giovane madre, combattere la malattia è una questione mentale. “Per me, la mente è il 70% della guarigione”, dice lei.

Per forgiare una mente d’acciaio, la giovane non esitò a fare appello tecniche complementari alla medicina allopatica. Tra questi metodi, la soffrologia, una tecnica che gli ha fornito le chiavi essenziali vivere meglio la malattia e rivolge la sua mente agli aspetti positivi della sua vita. Adeline intende riprendere presto le sessioni, perché per lei, è in gran parte grazie all’aiuto di questo metodo che ora è così forte. La giovane donna ora prevede di riqualificarsi nel campo della medicina alternativa e sta pensando in particolare diventare un sophrologo. Oggi Adeline dice ” Sì, sono più felice di prima della malattia “.

Anche lei ha scelto di raccontare la sua storia in un libro intitolato Molto semplicemente: la lotta di una giovane madre contro il cancro.

Guarda sotto il rapporto che la Francia 3 regioni ha dedicato ad esso:

tecniche di cancro complementari

Oggi, se la soprologia può accompagnare molti malati di cancro, non è una coincidenza. Il metodo ha molti vantaggi ed è ora riconosciuto come supportare l’assistenza oncologica (Piano antitumorale).

La Sofrologia è, ad oggi, integrata in molti programmi di assistenza al paziente come quelli sviluppati da Lega contro il cancro o da grandi marchi come La Roche-Posay. Quest’ultimo offre da diversi mesi sessioni di sofrologia online sostenere le donne con il cancro.

Infine, cosa potrebbe esserci di più incoraggiante che vedere fiorire la Francia Centri di risorse in cui il metodo è completamente integrato. I malati di cancro possono quindi beneficiare delle sessioni di soprologia partecipando a seminari tematici e sessioni di gruppo.