Gli atleti hanno la capacità di rappresentare, oltre alle proprie idee, quelle dei loro avversari. L’obiettivo è anticipare meglio le intenzioni e le motivazioni dell’altro per fornire una risposta efficace e ottenere il sopravvento. Théodor Reik (1888-1969), uno psicoanalista americano, parlò di tatto e disse che esprimeva “un certo adattamento del nostro ritmo personale a quello di quelli che ci circondano”. Gli piaceva aggiungere che è necessario attendere il momento opportuno per dare un’interpretazione.

La comunicazione dall’inconscio all’inconscio è delimitata in uno spazio che va da ciò che è indovinato a ciò che è compreso. In diverse occasioni, in una partita o in una competizione, gli sportivi integrano le informazioni che recuperano attraverso sensazioni e percezioni che aprono più o meno ampiamente il campo delle risposte. Queste stimolazioni si trasformano in affetti che portano alla formazione di un’idea o di un ragionamento.
Quando gli atleti condividono le cose, escono rapidamente dalle loro menti per reagire meglio. Quando sono sopraffatti dalla posta in gioco e dalla quantità di stimoli, nonostante una buona preparazione, trascorrono troppo tempo a pensare al risultato o a rimuginare su ciò che è andato storto. Le conseguenze sono atteggiamenti inappropriati legati alla mancanza di concentrazione. Il destino di una partita o di una partita non dipende necessariamente dal talento eccezionale di un individuo, ma piuttosto da chi commetterà l’errore nel momento sbagliato.

Intervallo di attenzione
Quando uno sportivo perde la sua competizione nonostante sia in ottime condizioni fisiche e tecniche, gli viene quasi sempre attribuita una terribile mancanza di fiducia nelle sue capacità. Il principale fattore di devoluzione è emotivo, interferisce con la nostra capacità di spostarci da uno stato all’altro. Più vicino all’azione, si tratta di passare dal gesto immaginario al gesto compiuto tenendo conto degli intangibili, un insieme di eventi imprevedibili. Una preparazione mentale ben preparata consiste nel preparare l’atleta a reagire il meglio possibile all’imprevisto. Se in questo esercizio l’esperienza e la ripetizione possono essere decisive, anche la disattenzione è un servizio. Tra i due, il dubbio può risolversi permanentemente se non viene fatto nulla per rimediare.
Questo stato di esitazione favorisce il ritiro in se stessi a scapito della reazione. Più volte nel corso di una giornata, sentiamo il bisogno di interrompere l’attenzione prestata alle immediate vicinanze. Ciò ti consente di recuperare emotivamente o di preparare una risposta. L’espressione “essere nella luna” traduce perfettamente questo comportamento. Durante questo periodo, eseguiamo azioni in uno stato di coscienza che non ci consente di essere lucidi. Il cervello può fare solo una cosa alla volta! Agiamo meccanicamente, omettendo l’essenziale: il tempo impiegato a preparare la risposta è troppo grande rispetto all’immediatezza dell’azione. Mentre leggi queste righe, alcune sono focalizzate sull’argomento mentre altre, ed è naturale, fanno associazioni di idee e sono disegnate da riflessioni personali che certamente non hanno nulla in comune con questo articolo se non prendere le distanze dalla percezione cosciente.
L’uso della soprologia durante la preparazione consente di lavorare sulla “concentrazione” senza forzarla. È molto interessante, emotivamente, identificare ciò che è suscettibile di far uscire la persona dall’azione. Il semplice fatto di prenderne coscienza ti consente di rimanere al ritmo della competizione.
terapia di rilassamento
Un buon livello di concentrazione dipende dalla disposizione della mente ad essere flessibile negli scambi tra informazioni esterne e la sua interpretazione a un livello più intimo. La performance prende forma in queste relazioni tra esplicito e implicito, e al centro ci sono le emozioni. Proprio come il sogno, che per alcuni psicoanalisti è una misura della plasticità cerebrale, la soprologia può aiutare a regolare gli scambi (stimolazioni / interpretazioni) quando un atleta ritiene che possa consentirgli di migliorare.
La soglia sophro-liminale (tra veglia e sonno) offre all’individuo l’opportunità di lavorare e anticipare situazioni in cui la mente può essere vicina alla saturazione. Circostanze (finali, campionati, ecc.) Che favoriscono l’accumulo di tensione, quantità di stimolazione che possono causare un’inibizione della risposta o reazioni eccessive. Le emozioni contenute o la rabbia, che allontanano l’atleta dalla sua concentrazione, seguono a volte brevi ma intensi periodi di “angoscia”, chiamati anche “stress travolto”. La Sofrologia è molto più della semplice manifestazione di un grande rilassamento. La disciplina, con la sua varietà di tecniche, dà la possibilità di usare la tensione della persona. Quest’ultimo, integrando il proprio corpo in una pacificazione progressiva, passa a uno stato di coscienza favorevole all’analisi del proprio comportamento.
In questo contesto, l’immaginazione sostituisce l’espressione dei sentimenti. L’atleta crea una nuova rappresentazione del suo problema che lo aiuterà a superare i riflessi limitanti. È prendendo la realtà come un pilastro, come in un sogno ad occhi aperti, che è in grado di distinguere e differenziare ciò che lo disturba. Il fatto che possa quindi spiegare ciò che ha vissuto durante la sessione facilita l’acquisizione di nuovi comportamenti. Un modo originale e individuale di agire che in una situazione competitiva gli permetterà di essere reattivo. Sarà in grado di diventare istintivamente consapevole di quando rischia di abbandonare l’azione.
La concentrazione e il coinvolgimento degli atleti, sia in allenamento che in competizione, è il prodotto di interazioni di gruppo e individuali. Lo stato d’animo di una squadra, la sua atmosfera, hanno una notevole influenza sulle prestazioni individuali e collettive.
La capacità di prestare attenzione rimane strettamente legata alla motivazione dell’individuo. Il funzionamento dei gruppi sportivi è cambiato notevolmente negli ultimi vent’anni. La professionalizzazione nel rugby o, più recentemente, il tour mondiale nel ciclismo, hanno portato a uno sconvolgimento nell’organizzazione delle squadre e notevoli cambiamenti nella mentalità. Se le relazioni potevano essere calde e spontanee negli anni ’90, non è raro sentire che le relazioni sono diventate più razionali, a volte prive di emozioni. La posta in gioco della concorrenza cambia gli uomini.
Ad un alto livello di organizzazione, il sistema dei gruppi sportivi è paragonabile a quello di un’istituzione. La differenziazione dei ruoli ricoperti è molto marcata. Le relazioni sono molto più funzionali. L’interno di un gruppo è in costante movimento. Ogni individuo che gli appartiene può spostare le linee. Azioni, discorsi, atteggiamenti provocano quasi sistematicamente una reazione. Questa dimensione deve essere presa in considerazione, a meno che non preferiamo l’alternanza, ovvero cambiare gran parte della squadra per cercare di trovare una certa armonia nel gruppo!

pubblicità

Laurent Favarel