A due passi da avenue de Breteuil e dalla stazione della metropolitana Sèvres Lecourbe, Solène Martins ha recentemente avviato la sua pratica. Di nuovo sulla sua installazione e il suo viaggio di soprologo

Come ti è venuta l’idea di diventare un sophrologo? In una “vita precedente”, ero un venditore afflitto dalla pressione dei risultati! Molto sensibile allo sviluppo personale da vent’anni, ho deciso di riorientare me stesso e di mettere il benessere al centro della mia attività professionale. Così ho scelto la soffrologia che avevo praticato 15 prima, quando ero uno studente.

Come è stato decisivo questo ricordo? In un certo senso, mi ha cambiato la vita. Oltre alla piacevole sensazione di relax, alla fine di ogni sessione, ho avuto l’impressione di conoscermi, con chi ero veramente. Scoprendo me stesso, sono diventato gradualmente consapevole delle mie ricchezze e delle mie possibilità. E in particolare la fiducia in me che mi mancava terribilmente.

Come si svolge una sessione di prove? Prima di tutto, suggerisco un momento per discutere di come sono andate le cose dall’ultima sessione e di come è andata la formazione. Prima di entrare in pratica, ricordo sempre al mio cliente l’obiettivo che vogliono raggiungere con la soffrologia, che li aiuta a rimanere in pista. Gli spiego quindi lo scopo della sessione di oggi, l’intenzione e come procederemo.

Quindi posizionare la pratica! Cerco di personalizzare, per quanto possibile, gli esercizi di rilassamento muscolare, respirazione e visualizzazione. E ho sempre suggerimenti per integrarli nella vita di tutti i giorni perché è importante sottolineare che la soprologia funziona tanto meglio quanto le persone la praticano regolarmente.

La sessione termina come inizia, con un tempo di discussione. Suggerisco che la persona parli di ciò che hanno sperimentato nel loro corpo e nella loro testa durante la sessione. Verbalizzare i tuoi sentimenti è un passo verso la conoscenza di te stesso perché ti prendi del tempo per ascoltarti, incluso questo corpo che non ascolti abbastanza.

Verbalize ti consente di assumere la proprietà degli esercizi e di ripeterli a casa!

Quale soprologo pensi di essere? Penso di essere soprattutto un soprologo ottimista. È nella mia natura ed esperienza, so che la soprologia può contribuire a migliorare la sua qualità di vita: stress regolato, sensazione di benessere, sonno migliorato, migliore percezione del significato della vita ecc.

D’altra parte, la soprologia non è questa bacchetta magica che risolverebbe tutti i problemi! Ricorda che, in alcuni casi, la priorità al follow-up psichiatrico e sophro ovviamente non sostituisce il follow-up medico.

Infine, senza allenamento, soprattutto a posteriori, stazione con effetto soffietto …

Per sfruttare appieno i benefici della sophrology, rendilo uno stile di vita di routine o addirittura sano!

Cosa ti piace di più di questo lavoro? C’è un momento in cui trovo la magia, quando la persona, come una farfalla che emerge dalla sua pupa, inizia ad allargare le ali. È consapevole dei cambiamenti che stanno avvenendo, delle sue possibilità e da lì è come riprendere il controllo della sua vita.

Ma la persona è generalmente la prima ad essere stupita!